Marco Delogu

Sono appena finite le mostre “la natura della notte” alla galleria il segno e
“L’altra ego”, con Giosetta Fioroni, al MACRO via nizza. Così bello avere festival,
e due mostre personali in poco tempo, curare i libri, accogliere i fotografi da tutto il mondo al festival (ricordo con emozione Chris Killip, Anders Petersen, Lars Tunbjork, Claire Chevrier, Yto Barrada, Jeroen Kramer, Jon Rafman e Paolo Ventura).
Un anno importante per il mio lavoro si sta chiudendo, un anno aperto con la nuova collaborazione con il MACRO, con l’istituzione delle lectures e la creazione della collezione, e un anno dove son riuscito a lavorare moltissimo, a ritagliarmi notti lunghe e solitarie con la luce della luna piena, perso in mezzo alle campagne, quasi sempre a piedi e qualche volta a cavallo (la mia preferita “peppola” sempre fantastica in quelle passeggiate senza tempo). E poi iniziare e finire il lavoro con Giosetta. Bello vedere tante persone alle mie mostre (molti protagonisti dell’arte contemporanea da Achille Bonito Olivo a Laura Cherubini, e poi Ester Coen, Cristiana Perrella, Maria Alicata, Guglielmo Gigliotti, Lea Mattarella, e i direttori Anna Mattirolo e Bartolomeo Pietromarchi, artisti, critici e scrittori come Edoardo Albinati, Alberto Arbasino, Gregorio Botta, Alfonso Berardinelli,
Marco Tirelli, Alfredo Pirri, Elisabetta Rasy, Emanuele Trevi, Nanni Balestrini, e molti collezionisti) sia durante le inaugurazioni che nei giorni successivi. Bellissimo vedere gli spazi del festival sempre pieni di persone attente. Ora si ricomincia, un nuovo festival, il museo da portare avanti con le lectures, le residenze e la collezione, nuove fotografie nelle notti di luna piena invernali, l’arte-fiera a Bologna, il festival di Capalbio a pasqua, e poi andare a Venezia per vedere il padiglione Italia alla Biennale curato da Bartolomeo Pietromarchi, e un progetto di libri d’artista con la punctum che coinvolgerà oltre a Ventura e Petersen, anche Jon Rafman e Miltos Manetas. Sino al 13 gennaio rimangono le tre acquisizioni (i lavori di Paolo Ventura, Jon Rafman e Anders Petersen) nella mostra “Fotografia in collezione 2” al MACRO testaccio, in un bellissimo nuovo allestimento.
campo d'inverno

Download la natura della notte in PDF


Fotografo, editore e curatore, nel 2002 ho fondato FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, che ancora dirigo e che quest’anno è arrivato all’undicesima edizione, appena finita.
Nel 2003 ho fondato la casa editrice Punctum e nel 2009 il PHC capalbiofotografia.
Ora lavoro al museo MACRO come curatore del dipartimento della fotografia.
Passo il mio tempo a lavorare su progetti personali e a collaborare con altri fotografi o curatori con i quali divido idee e progetti.
Recentemente sono appena finite due mostre personali (“la natura della notte” alla galleria il segno, e “l’altra ego” al MACRO via nizza, insieme a Giosetta Fioroni) e poi Mosca, Venezia (la biennale 2011), e Lione.
Mi piace moltissimo fare libri, e ultimamente sto lavorando ad un progetto di libri d’artista che coinvolge alcuni fotografi e artisti, oltre ad aver curato il libro di Alec Soth “la belle dame sans merci” e l’ultimo libro di Paolo Ventura “lo zuavo scomparso”. Ho appena pubblicato due libri (“la natura della notte” punctum, e “l’altra ego” quodlibet) e recentemente ho fatto questa fotografia vent’anni dopo aver fatto le “quattro pere”.

 

quattro albicocche

video

Marco Delogu, a video interview by Arte Tv


Photographer and exhibition curator Marco Delogu walks the city and shares his thoughts on his home town

video interview The Guardian


ARTE, the frech-german tv art channel introduces
Marco Delogu's retrospective at Villa Medici in Rome.

video interview ARTE


Marco Delogu guest at Parla con me


Video interview by Giovanna Sarno for Art a part of cult(ure)


books

b noir et blanc quattro%20studi%20di%20cavalli i trenta assassini cardinali due migrazioni

Cinema America

In progress

Soli Neri, Cinema America